Archivi categoria: Programmazione

Context Free Art

 

flower6.png

Context Free Art è un programma gratuito che genera immagini a partire da istruzioni scritte. Provate questo semplice codice per generare l’immagine riprodotta nel post:

startshape flower6
rule flower6
{
12* {r 30} petal6 { }
12* {r 30} petal6 {flip 90}
}
rule petal6
{
SQUARE { s 1 0.001 }
CIRCLE { x -0.5 s 0.01 b -1 }
petal6 [ x 0.5 r 120.21 s 0.996 x 0.5 b 0.005 ]
}
Continua la lettura di Context Free Art

Codeide – Programmare online

codeide.jpg

Codeide.com è un’interessante sito web 2.0 grazie al quale potremo scrivere programmi in Basic, C, Pascal, Javascript, ecc…
Una volta scritto il programma in un linguaggio a piacere tra quelli proposti basterà fare clic su RUN e nella finestra a destra verrà generato l’output.
Se tutto funziona possiamo scaricare l’eseguibile del nostro programma (per piattaforma Windows o Linux) facendo clic su .exe (il tutto, ricordiamo, senza scaricare nessuna applicazione o compilatore sul nostro PC). Continua la lettura di Codeide – Programmare online

python 3..

Aria di novità in casa python, gli sviluppatori stanno lavorando a una nuova versione del noto linguaggio open-source. I cambiamenti, da quanto annunciato, saranno radicali e a quanto pare i vecchi programmi scritti per le versioni precendenti dell’interprete non funzioneranno.

“Praticamente ogni programma avrà bisogno di modifiche.” afferma Anthony Baxter, il responsabile del rilascio di Python e ingegnere di Google Australia. Che ne sarà del 15% del database di Google Code che sarà prssochè inutilizzabile con Python 3.0?
Staremo a vedere…

La fine di php 4

PHPPHP 4, installato complessivamente su circa 10 milioni di server, è uno dei linguaggi che hanno avuto più successo.

La vita della quarta versione di PHP è comunque arrivata a conclusione: il linguaggio non è più supportato ed il rilascio di aggiornamenti di sicurezza cesserà a partire dal prossimo mese di Agosto.
Il 5 Febbraio un gruppo di progetti opensource piuttosto famosi interromperà simultaneamente lo sviluppo su piattaforma PHP 4 puntando esclusivamente alla più recente quinta versione.
Riponiamo grande fiducia in PHP 5“, ha commentato Andi Gutmans, CTO di Zend, aggiungendo: “non riteniamo che PHP 4 possa fornire un supporto valido per il web moderno, fatto di AJAX, XML e Web Services“.
PHP 5 si è proposto come naturale successore della precedente versione sin dal 2004 ed integra numerose ottimizzazioni in ottica Web 2.0 che offrono la possibilità di migliorare performance, gestione e scalabilità delle più evolute applicazioni per il web.
Il problema di fondo è che esiste una vastissima schiera di utenti che ancora si appoggia a PHP 4. Robert Douglass, di “GoPHP5.org” è cosciente del problema ma richiede la collaborazione di tutti nell’effettuare la migrazione. L’iniziativa promossa per il 5 Febbraio prossimo dovrebbe, secondo Douglass, indurre un sempre maggior numero di provider a passare a PHP 5.

Secondo la classifica stilata da TIOBE ed aggiornata a cadenza mensile (ved. questa pagina), PHP resta il quarto linguaggio più utilizzato registrando anche una crescita dell’1,25% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. sta per giungere la fine di uno dei linguaggi più di successo; sebbene la fine ufficiale del supporto sia stata fissata per il mese di Agosto 2008, già tra pochi giorni un gruppo di influenti progetti opensource fermerà contemporaneamente lo sviluppo sulle proprie piattaforme con PHP4.

Il naturale successore, PHP5, non è comunque una novità per gli addetti ai lavori già dal 2004 infatti ha fatto la sua comparsa nel mondo della programmazione, portando con se funzionalità di rilievo come le tante migliore orientate al Web 2.0, la gestione e la scalabilità di XML, e altre tecnologie chiave per il Web 2.0.

Nella stessa direzione vanno siti come GoPHP5.org, che si propongono come aiuto per facilitare la transizione dalla vecchia alla nuova versione, transizione peraltro osteggiata da un nutrito gruppo di utenti intenzionati a rimanere fedeli a PHP4, che stanno raccogliendo opinioni dai visitatori del loro sito StopPHP5.org, purtroppo per i loro sforzi per lo più insensate come: Come PHP-Script-Bimbo ho paura di passare a PHP5 perchè il mio codice è moooolto schifoso e non strutturato. Non ho idea di compe partire per testare il mio codice per PHP5. Hmm, forse dovrei smettere di programmare e basta!”E voi che ne pensate? Largo alla novità (seppur già rodata) o avanti con chi ha fatto la storia del web ?

Ancora google…

GoOseSono anni che si vocifera di un possibile sistema operativo targato Google, ma i rumors non hanno mai ceduto il passo a progetti concreti.

In questi giorni si sta diffondendo la notizia secondo la quale l’OS di Mountain View avrebbe un nome: GoOSe, acronimo di “Google Operating System Environment”.

Dalle pochissime notizie che siamo riusciti a raccogliere, più che un sistema operativo vero e proprio GoOse sarebbe un “ambiente” Web capace di sfruttare tutte le varie applicazioni in Ajax sviluppate da Google.

Programmare con GWT

google mashups editor Dopo Google Gears, il motore di ricerca (anche se ormai è ben più), ha rilasciato nuovi prodotti per la felicità di tutti gli sviluppatori su internet. Si tratta della nuova versione del Google Toolkit, che permette di creare codice javascript più performante e che ha nuove funzionalità, e l’interessantissimo Google Mashup Editor.

Continua la lettura di Programmare con GWT

I proccessi di Windows

Quante volte aprendo il Task Manager di Windows vi siete trovati di fronte nomi di processi che non avete neanche l’idea a quale applicazione appartengono? E magari a volte vi è sorto il dubbio se il processo si attendibile o meno. Di solito io per controllare a quale applicazione appartiene un determinato processo faccio una ricerca su internet, e questo può essere molto scomodo. Sono venuto a conoscenza di un servizio online molto utile e comodo per scovare quale programma utilizza un certo processo e se il software a cui è legato sia dannoso o no.

whatisthatfile.jpg

Il servizio di chiama WhatisThatFile. Come potete notare l’interfaccia è molto semplice, per avere informazioni dettagliate sul processo che vi interessa dovete solo scriverne il nome nel piccolo riquadro bianco posizionato sotto la scritta “Please enter a filename:“. Dopo ever scritto il nome del processo automaticamente vi verranno restituiti tutti i risultati con quel nome o con un nome simile, con un colore diverso a seconda se il processo sia pericoloso o attendibile, e una piccola descrizione quando presente. Quelli in verde sono i processi sicuri, quelli in giallo idicano quelli che potrebbero essere probabilmente infetti, e quelli in rosso indicano che è un malware. In questo modo possiamo avere sotto controllo tutti i processi del nostro computer, mi raccomando però di stare attenti anche a quelli nascosti.

Come creare siti

Oggi vi suggerisco di visitare l’ottimo sito OpenSourceCMS il cui azzeccatissimo motto è “Try before you…install”. Infatti, oltre ad articoli sui CMS e ad un forum, la funzionalità principale è esposta sulla destra dell’hompage di questo sito, dove c’è il CMS Demos Menu che permette di scegliere un Content Management System OpenSource sviluppate con l’accoppiata PHP & MySQL. Le decine di CMS presenti sono divisi tra portali, blogs, groupware, e-commerce, forum, e-learning, gallerie di immagini e wiki.L’ottima caratteristica di questo sito è quella di poter provare non solo l’interfaccia della Front Page, ma anche quella della pagina di amministrazione, potendo quindi sperimentare, senza dover installare nulla nel proprio spazio web, il funzionamento di un CMS, con pochissime limitazioni dovute a ragioni di sicurezza.

Si possono quindi inserire articoli, modificare le opzioni, attivare i plugin già installati e tanto altro.

Tutto ciò è garantito dal Demo Refresh ogni 2 ore, che resetta i database di tutti i CMS, di modo che ogni cambiamento applicato dai tanti utenti che provano le demo siano azzerati, ed i nuovi utenti si trovino un CMS pulito e perfettamente funzionante.

Questo strumento è ottimo per chi ha bisogno di trovare velocemente quale CMS si adatta alle proprie esigenze, ma anche a chi è curioso di conoscere il funzionamento e le caratteristiche di altri sistemi, pur avendo trovato già quello che più gli si addice.