Archivi categoria: programmi

Sincronizzare iPhone e iPod Touch con wifi

Con iOS 5 è ora possibile sincronizzare l’iPhone tramite collegamenti WiFi e senza dover più utilizzare alcun cavo USB.

Assicuratevi di avere installato iOS 5 su iPhone e l’ultima versione di iTunes su Mac o PC, inoltre accertatevi che iPhone e PC/Mac siano collegati alla stessa rete wireless. A questo punto, collegate il dispositivo ad iTunes tramite cavo USB e seguite i seguenti passaggi:

1. Selezionate il dispositivo dalla colonna di sinistra

2. Dal menu centrale, andate in Sommario, scorrete in basso e attivate la voce “Sincronizza questo iPhone via Wi-Fi”

3. Cliccate su Applica in basso a destra

5. Scollegate l’iPhone dalla presa USB

6. Da iPhone, andate in Impostazioni/Generali e selezionate Sincronizzazione Wi-Fi iTunes.

7. Cliccate su Sincronizza per avviare la sincronizzazione.

 

Fonte: iphoneitalia.com

Accendere il computer automaticamente

Se vuoi che il tuo PC si accendesse da solo a una determinata ora del giorno dall’ibernazione o dallo stand by è possibile utilizzare un programma gratuito.

TimeComX è un programma gratuito per Windows che permette di riaccendere automaticamente il PC dallo standby o dall’ibernazione avendo l’opportunità di aprire un programma o un file a scelta al nuovo avvio di Windows.

Sincronizzare iPhone e iPod Touch senza iTunes

 

SharePod (Windows) è un programma leggero e semplice, che permette di sincronizzare velocemente e senza intoppi la propria musica: grazie a questo software, si può sincronizzare iPod e iPhone

GtkPod (Linux) sembra essere l’unica soluzione per sincronizzare la propria musica tra il proprio iPhone e il computer Linux

Media Monkey (Windows) è un media player per Windows simile ad iTunes, che permette di gestire la musica, i video, podcast, cd ed album con grande flessibilità, con tanto di supporto iPhone, iPod Touch per sincronizzare i file.

Winamp e l’ml_ipod plugin (Windows) per tutti coloro i quali usano Winamp dal primo giorno in cui è stato lanciato, ml_iPod permette di mantenere questo programma, pur avendo acquistato l’iPhone e volendo sincronizzare i file tra i vari dispositivi.

 

Utilizzare Dazzle DVC101 con MAC OS

Ciao a tutti,

oggi voglio mostrarvi come ho collegato il mio Dazzle DVC101 su Mac Os X.

Il Dazzle * DVD Record è una periferica di acquisizione video nata per Windows. Nonostante questo sono riuscito a collegare la periferica, realizzata dalla Pinnacle sul mio Mac.

Per fare questo ho utilizzato VideoGlide (versione 1.4.8). Potete scaricare VideoGlide da http://www.echofx.com/0~index.html.

Con questo semplice software potrete registrare i vostri filmati dalla Playstation, dalla Xbox, da un videoregistratore per salvare i vostri filmati da supporto VHS, il digitale terrestre o ancora direttamente dalla videocamera.

L’unico problema che potrete riscontrare durante l’avvio è un errore: “Errore durante l’installazione di VideoGlide. Contattare il fornitore con codice 2010,0”.

per risolvere questo problema non dovrete altro che andare con il Finder nella cartella: nomeUtente/Library/Preferences e cancellare la cartella “Preferences ECHOfx”.

Cancellare il cestino e riavviare l’applicazione. Sembrerebbe inoltre che ad avvii sucessivi potrebbe essere necessario non essere collegati ad internet durante l’utilizzo.

Ditemi la vostra esperienza.

 

 

 

 

MY TOM TOM – Installare Punti di Interesse (PDI) – Convertire da CSV a ov2…

Ciao ragazzi sono alle prese con il Tom Tom  Go  della mia nuova auto.

Volevo installare i punti di interess (PDI), altri li chiamano POI, dei distrubutori di metano. Dopo vari problemi sono riuscito a completare la procedura e volveo quindi condividerla con voi lettori.

Per prima cosa voglio segnalarvi il sito da dove scaricare i punti di interesse. Sembra molto fornito, aggiornato e utilizzato: http://www.poigps.com. Se avete altri siti potete scriverli nei commenti.

Quindi una volta scaricati i punti di interesse, nel mio caso distributori metano, ma ci sono altri molto interessanti come pub e birrerie, semafori, farmacie, etc etc…

Il problema nasce quando si utilizza tom tom Home il tutto sembra essere gestito molto facilemente importanto i PDI. Mentre con il mio nuovo navigatore viene utilizzato My Tom Tom. Per poter importare i PDI è necessario cliccare su “Aggiungi contenuti comunità”.

Si aprirà una pagina web dove è possibile selezionare il file da importare. I possibili file da importare sono in formato ov2.

Invece, il file scaricato con i punti di interesse dal sito precedente, è in formato CVS. E’ necessario quindi una conversione.

Per file CVS di piccole dimensioni è possibile utilizzare un servizio online che ho trovato su google che però ha diverse limitazione. Consiglio invece di utilizzare, per utenti windows, PoiEdit, scaricabile gratuitamente da :http://www.poiedit.com/ (consiglio naturalmente la versione in italiano).

Una volta scaricato potrete convertire i file CSV in ov2 con la seguente procedura:

Aprire il programma Poedit(dopo averlo installato),

cliccare su

Strumenti > Convertire in serie
cerca la cartella dove hai copiato i *.csv
Formato fonte > Garmin Comma Separated (*.csv)
e nella finestra di destra
Formato destinazione > Tom Tom Binary (*.ov2)
clicca Convertire

 

Questa procedura può essere utilizzata anche per dispositivi GPS di altre marche come Garmin, Navio, Destinator, MioMap, SmartPath, Google Eart.

A questo punto potrete utilizzare il vostro MY Tom tom per importare i punti di interesse. Buon viaggio a tutti…

 

 

Disinstallare MS Removal Tool

MS Removal Tool è un finto antivirus che, oltre a non compiere quello che sembra debba fare,  agisce come malware.

Prima di vedere come rimuovere MS Removal Tool è avviare Internet Explorer, cliccare sull’icona a forma di ingranaggio (Strumenti) che si trova in alto a destra e selezionare la voce Opzioni Internet dal menu che compare.

Nella finestra che si apre, seleziona la scheda Connessioni e clicca sul pulsante Impostazioni LAN. Togli quindi il segno di spunta dalla voce Utilizza un server proxy per le connessioni LAN. Queste impostazioni non verranno applicate alle connessioni remote o VPN. e clicca prima su OK e poi su Applica e ancora OK per salvare le impostazioni.

Adesso, avvia Windows in modalità provvisoria premendo il tasto F8 durante le prime schermate di accensione del PC e selezionando Modalità provvisoria con rete fra le opzioni che compaiono sullo schermo. Appena accedi al desktop di Windows, avvia Internet Explorer e clicca su questo collegamento per scaricare l’ultima versione di Malwarebytes’ Anti-Malware, uno dei programmi per rimuovere i malware più potenti ed efficaci che ci siano. Installare, avviare e effettuare una scansione con questo programma.

 

Spero riusciate a risolvere il vostro problema.

Managed Driving Data Collection

Microsoft dopo avere autorizzato il jailbreak di Windows Phone 7, ha rilasciato il codice sorgente della collezioni dati WiFi.

Con lo scopo di garantire a utenti e regolatori il massimo rispetto della privacy nella geo-localizzazione. Reid Kuhn, manager del partner group program del Windows Phone Engineering team, spiega che Microsoft punta sulla trasparenza in tema di privacy e geo-localizzazione: nel blog post illustra che il codice sorgente in questione deriva dal software di “managed driving data collection”. E cioè deriva dai software che collezionano i dati degli access point Wi-Fi.

Il codice sorgente dimostra sia la tiplogia che la quantità di dati che noi collezionamo quando studiamo gli  access points Wi-Fi attraverso managed driving” spiega il manager di Microsoft. “Quando costruiamo i database usati per i servizzi di localizzazione per Windows Phone 7, sfruttiamo veicoli per ottenere i dati disponibili (che chiamiamo ‘managed driving‘) attraverso auto equipaggiate con cellulari che analizzano gli access points Wi-Fi e le celle della telefonia mobile” ltre ai GPS. Tutti dati pubblici e non privati.

Oltre a collezionare ed uploadare ii dati GPS, Wi-Fi e cellulari, include altre funzioni amministrative e di gestione, riferite al self-recovery ed alla diagnostica“. Microsoft scommette sulla trasparenza come risposta a Street View, sulla graticola in Europa, dopo la multa francese. Secondo Ovum il mercato della collezione dati provenienti dagli smartphone è in pieno boom e varrà 3 miliardi di dollari entro il 2013. Secondo Mobile Marketer, da uno studio di Google emerge che l’82% dei possessori di smartphone ricevono advertising mobile e il 74% acquista dopo aver usato uno smartphone durante lo shopping.

Infine Microsoft guiderà un gruppo di enti (comprendente BBC, British Sky Broadcasting e BT) che in Gran Bretagna avvieranno test per utilizzare lo spettro delle frequenze TV per le nuove reti WiFi. Lo spazio bianco (white spaces, in inglese) è fra i 300 e i 400 MHz, è in grado di percorrere lunghe distanze e penetrare attraverso i muri.

E’ possibile scaricare il codice dalla pagine dell’MSDN :

Managed Driving Data Collection