Caputo's blog

Informatica, tecnologia, programmazione, fai da te, papercraft e papertoy

Sitemap.xml per il proprio sito web

Luglio 22nd, 2010 by Giovanni Caputo

Fondamentale per i proprietari dei siti web è preoccuparsi che il proprio sito sia correttamente indicizzato dai principali motori di ricerca e soprattutto da Google.
In generale, mentre il file robots.txt spiega quali file si desidera escludere dai risultati, il file sitemap.xml elenca la struttura del proprio sito e delle relative pagine. Fornisce al crawler dei motori di ricerca un’idea di dove gli ogetti sono diposti all’interno del sito.

La prima operazione da fare per la realizzazione di una Sitemap è quella di creare il file XML che conterrà il proprio codice. Si consiglia di denominare il file come “sitemap.xml” e disporla all’interno della directory principale del tuo proprio sito web.

Di seguitoun esempio base su come creare una sitemap.

 <?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
 <urlset xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9">
 <url><loc>index.html</loc></url>
 <url><loc>contact.html</loc></url>
 </urlset>

Ogni  Sitemap inizia con la definizione del DTD( Document Type Definition) che indica che il file è codificato UTF-8, scritto in XML, e utilizza lo schema ufficiale Sitemap.

A seguito di tali formalità, si limita a produrre un elenco di URL che presenti all’interno della struttura del tuo sito web.

Ogni URL deve essere contenuta all’interno di due elementi: <url> e <loc>. . Questa è una specifica molto semplice da seguire, quindi, anche gli sviluppatori meno esperti dovrebbero essere in grado di replicare questo meccanismo di base con poco sforzo.

Per fare riferimento la sitemap all’interno dei documenti HTML, inserire questo codice tra i tag <head>:

<head>
 <link rel="sitemap" type="application/xml" title="Sitemap" href="sitemap.xml" />
 <head>

Altri tag importanti sono <lastmod>, che permette di precisare quando la risorsa è stata modificata l’ultima volta (formattata con AAAA-MM-DD), oppure <changefreq>, che utilizza i valori di always, hourly, daily, weekly, monthly, yearly, e never che  suggerisce quanto spesso cambia pagina web. Infine  il tag <priority>, che utilizza una scala di 0,0-1,0 indica l’importanza di una pagina web all’interno del sito.

Vediamo un esempio

<lastmod>2010-05-13</lastmod>
 <changefreq>monthly</changefreq>
 <priority>0.8</priority>

Questo post è stato postato giovedì, Luglio 22nd, 2010 at 11:56 nella categoria Siti Web, Tecnologia, tutorial. Tags:, , .
Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo attraverso RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o trackback dal nostro sito.

1 response about “Sitemap.xml per il proprio sito web”

  1. File robots.txt e l’indicizzazione - Caputo’s blog - Informatica, tecnologia, programmazione, fai da te, papercraft e papertoy said:

    […] Test Ammissione Università Sitemap.xml per il proprio sito web […]

Lascia un commento

You must be loggati to post a comment.